Tipi di perdita dell’udito: quali sono?

Ipoacusia: spieghiamo i due tipi di calo uditivo

Esistono due tipologie di ipoacusia: Trasmissiva e Neurosensoriale.

ipoacusia trasmissiva

Ipoacusia trasmissiva

L’ipoacusia trasmissiva è dovuta ad un’alterazione dell’orecchio esterno e medio.
Può essere di diversa natura: malformativa, traumatica, infiammatoria e patologica (otosclerosi).
Il deficit uditivo causato da questo tipo di perdita è spesso risolvibile con terapia medica o chirurgica.

ipoacusia neurosensoriale

Ipoacusia neurosensoriale

L’ipoacusia neurosensoriale è dovuta ad un’alterazione dell’orecchio interno, con la compromissione delle cellule deputate alla trasmissione del messaggio acustico al cervello.
Può essere di origine congenita, familiare, traumatica, patologica e degenerativa.
Il deficit uditivo causato da questo tipo di perdita è quasi sempre trattato con gli apparecchi acustici.

Sentire bene e non sentire.
Ecco i diversi gradi di ipoacusia.

Gradi della perdita uditiva

Quando vengono registrati valori maggiori ai 25dB HL su una o più frequenze, ci troviamo in presenza di un’ipoacusia.
La classificazione delle diverse fasce è la seguente: